Home Blog in Tour Alla ricerca di Alice..nel paese delle meraviglie

Alla ricerca di Alice..nel paese delle meraviglie

3100
0

Domenica sono andata a Villa Foscarini Rossi a vedere Alice nel Paese delle Meraviglie, spettacolo teatrale pubblicizzato come interattivo.
Come me, molti di voi si chiederanno “Cosa vorrà mai dire “interattivo”?
Ve lo spiego io!

Lo spettacolo inizia dalle cantine della Villa dove riceviamo un cioccolatino e qualche confetto in attesa della partenza. Saremo stati una trentina tra grandi e bambini.
Ed ecco che tocca a noi, ci invitano ad aprire la porta e…entrare nel Paese delle Meraviglie!

Ci troviamo subito in una stanza buia a tu per tu con due strambi personaggi che ci introducono la storia…da lì in poi dovremo spostarci tra le sale seguendo un percorso che ci verrà mostrato di volta in volta dai personaggi…ecco l’interattività! Ci si sposta tra gli ambienti e si entra nella scena nel vero senso della parola. Gli attori hanno un copione ma reagiscono alla situazione e coinvolgono i presenti in ciò che stanno facendo.
Ho riso un sacco quando la regina voleva tagliare la testa a un bambino, e lui le ha risposto: “Non ti credo, non puoi farlo!”.

Unico problema: le atmosfere un po’ cupe hanno spaventato qualche bambino…ma con coraggio e pazienza dei genitori abbiamo proseguito compatti. Sicuramente non consiglierei lo spettacolo ai bambini sotto i 5 anni, se non particolarmente dotati di spirito di avventura!

E così abbiamo conosciuto lo Stregatto, la Regina, il Bianconiglio, e infine Alice…che si era persa e che tutti cercavano…e che dovevamo trovare anche noi!

Il tempo è volato, devo complimentarmi prima di tutto per le scenografie, veramente curate e d’atmosfera, e poi per la bravura e simpatia degli attori.

Uno spettacolo veramente interattivo, non era facile immaginarsi come sarebbe stato ma ora posso dirvi che ve lo consiglio!

Potete rimanere informati sui prossimi spettacoli interattivi sulla pagina facebook di Universo FIABA.

Per le iniziative di Villa Foscarini invece potete andare qui.

Lisa Zattarin

www.curiosa.me