Danza contemporanea e disabilità intellettiva, un passo in più verso l’autonomia

Padova si prepara ad ospitare uno spettacolo davvero unico: la messa in scena dell’Amleto da parte di una compagnia di danza contemporanea che integra danzatori normodotati con danzatori Down.

Stasera, 1 ottobre 2016, alle ore 21.00, presso il teatro Don Bosco, in via De Lellis, a Padova.

img_0884

Danza contemporanea e disabilità intellettiva: un progetto possibile

Padova si prepara ad ospitare uno spettacolo davvero unico: la messa in scena dell’Amleto da parte di una compagnia di danza contemporanea che integra danzatori normodotati con danzatori Down, per la regia e la coreografia di Irene Stracciati: sarà Amleto the grief.

  1. La compagnia EGO SUM è composta da 13 componenti, di cui 8 danzatrici con la sindrome di Down. Le ragazze, tra i 20 e i 30 anni, sono già frequentanti i corsi di danza e teatro e soprattutto i percorsi di autonomia della Cooperativa Vite Vere – Down DADI. Si tratta di esperienze formative volte a portare i giovani ad un livello di gestione e conoscenza di sé, che permettano loro di vivere una vita autonoma, piena negli interessi e nella realizzazione delle proprie aspirazioni.

Le danzatrici hanno provato per oltre 1 anno, tra Siena e Padova, crescendo in abilità e sicurezza e dopo la fortunata esperienza di poco meno di 2 anni fa, con lo spettacolo ‘Gli indistinti confini’, liberamente tratto dalle Metamorfosi di Ovidio, sempre per la regia di Irene Stracciati, sono pronte a stupirci nuovamente.

Le prove si sono svolte tra la Toscana e il Veneto perché l’Associazione Down DADI ha individuato nella figura della danzatrice e coreografa Irene Stracciati l’ideale interlocutrice per sviluppare questo progetto. Irene Stracciati è una libera professionista senese, che da alcuni anni gestisce una sua scuola di formazione professionale di danza classica e contemporanea, dove sono perfettamente inseriti bambini e adolescenti con differenti disabilità.

img_0861

Con il gruppo padovano ha saputo creare, di spettacolo in spettacolo, una perfetta alchimia fatta di impegno e complicità – dei ragazzi parla come di “straordinari danzatori, che hanno dimostrato una maturazione incredibile” -, offrendo a questi giovani la grande opportunità di esibirsi professionalmente su di un palco. Queste le sue parole: ” Il danzatore con sindrome di Down porta in scena, oltre la danza, un sé stesso che un danzatore normodotato non conosce. Le caratteristiche fisiche e interiori comuni a tutte le persone Down rappresentano per me il Vago per eccellenza, l’indistinto e il possibile, l’apertura e la chiusura che creano una situazione di opportunità continua. Non si conosce il limite se non quando si tocca.”.

La Cooperativa Vite Vere – Associazione Down DADI

La Cooperativa Vite Vere nasce dall’esperienza dell’Associazione Down DADI per ampliarne e consolidarne la mission innovativa, ossia costruire un progetto di vita per ciascuna persona con disabilità intellettiva. L’obiettivo è dare a queste persone strumenti e condizioni perché diventino il più possibile autonomi e competenti, sia dal punto di vista occupazionale che abitativo e affettivo-relazionale: quel che viene definita una Vita Vera!

L’Associazione Down Dadi inizia la sua attività nel 1985, e ad oggi la Cooperativa Vite Vere vanta un’organizzazione strutturata con 10 professionisti (tra psicologi e pedagogisti) che supportano le attività di circa 300 tra bambini e ragazzi. Queste vengono svolte in 7 strutture diverse: appartamenti, laboratori creativi, espressivi, didattici ed un centro integrato che ha come obiettivo il sostegno di tutti i bambini con disabilità intellettiva e delle loro famiglie nelle prime delicate fasi di crescita e di sviluppo.

Punto di forza delle attività è il progetto Autonomia, volto a costruire e sostenere l’indipendenza dei ragazzi, con l’esperienza guidata alla vita autonoma (sostenuta da psicologi ed educatori) in abitazioni esterne a quelle di nascita. Un percorso fortemente innovativo, che inizia  a dare i primi frutti, con i primi ragazzi pronti a intraprendere un percorso di vita indipendente.

Come ci finanziamo? Attraverso le donazioni, di servizi o di contributi. È possibile sostenere singoli progetti, associarsi come socio ordinario con una piccola quota, donare un contributo in occasione delle festività oppure effettuare una donazione annuale. Per saperne di più visitate il nostro sito www.downdadi.it, o la nostra pagina Facebook Down Dadi oppure chiamate il numero 340.3769292.

Informazioni utili:

Cooperativa Vite Vere – Down DADI

Ego Sum Compagnia di danza contemporanea

Regia e coreografia: Irene Stracciati

Per informazioni e acquisto dei biglietti contattare il numero: 327.235.4404

Orario e sede dello spettacolo: ore 21.00, teatro Don Bosco, via De Lellis, n 4 (zona Forcellini) Padova

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Condividi il post! ;)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.