Festa di San Martino in provincia di Padova - Fiere e sagre Veneto

Festa di San Martino. Sagre e fiere franche in provincia di Padova

Come ogni anno la festa di San Martino che cade il giorno 11 novembre è festeggiata in tutta Italia tramite moltissime manifestazioni popolari come sagre e antiche fiere franche così come sono molte le usanze, le tradizioni osservate per questa festa. Il Veneto e la provincia di Padova non fanno differenza e anche sul nostro territorio questa ricorrenza è molto sentita ed il gran numero di proverbi legati a questa ricorrenza lo testimonia, ed associata all’autunno con i suoi colori, i suoi profumi ed i suoi prodotti tipici.

La storia di San Martino. Da soldato a vescovo

Festa di San Martino

Simone Martini (1284 ca-1344 ca)
San Martino divide il mantello
Chiesa Inf. S. Francesco
Cappella di S.Martino, Assisi

Innanzitutto la festa di San Martino è una festività religiosa dedicata a San Martino di Tours, santo famoso per la sua storia.

Martino era infatti un soldato dell’impero romano e secondo le fonti cristiane divise con la propria spada il suo mantello per cederlo ad un mendicante infreddolito che incontrò per strada. A quel punto la leggenda vuole che la pioggia smise di cadere, il cielo si aprì e uscì un bel sole che per tre giorni scaldò gli uomini, offrendo loro una tregua dal freddo. Da qui il detto dell’estate di San Martino.

Correva l’anno 335 dC. Dopo aver riconosciuto in sogno Gesù Cristo vestito del suo mezzo mantello, Martino si convertì al Cristianesimo e per tutta la vita lottò contro oppressioni ed ingiustizie anche quelle esercitate per motivi politici e religiosi. Fu inoltre protettore delle arti e della cultura.

La festa di San Martino. Ricorrenza ed usanze nella società contadina

In tutta Italia l’11 novembre e quindi la ricorrenza della festa di San Martino è stata molto importante fino agli inizi del secolo scorso perchè era la data in cui iniziavano le scuole, l’attività dei tribunali e del parlamento e soprattutto, in una società contadina come la nostra San Martino era il giorno in cui terminava il lavoro agricolo, scadevano i contratti agricoli e di affitto tant’è che in molte zone “fare San Martino” significa sgomberare e traslocare.

Sono moltissimi inoltre i proverbi e detti popolari legati a San Martino, dal nord al Sud d’Italia. Forse il più celebre è quello legato al fenomeno metereologico dell’estate di San Martino (“L’estate di San Martino dura 3 giorni ed un pochettino“) ma ce ne sono moltissimi altri tra cui “a San Martino il mosto diventa vino” il che lega la festa all’apertura delle botti e all’assaggio del vino nuovo da accompagnare tradizionalmente alle castagne.
“A San Martin, castagne e vin”, altro detto popolare che io traslo in cotal maniera “A San Martin, folpi, castagne e vin” in onore degli amici della Folperia.

Sagra di San Martino e fiera franca. Quando le festività religiose erano impermeate nella vita di una comunità

Una festa quindi che decretava la fine del lavoro nei campi per l’arrivo dell’inverno e che veniva celebrata anche con delle grandi mangiate e bevute poichè a partire dal 12 novembre e fino al giorno di Natale era previsto il digiuno dell’Avvento. Da qui anche il detto popolare veneto secondo il quale “San Martin viene ‘na volta a l’ano, s’el vegnesse ogni mese el saria a’ rovina del paese”. 

Oca di San Martino Gustare PadovaNella provincia di Padova ad esempio a Novembre e alla festa di San Martino si associa la cosidetta Oca di San Martino, poichè l’oca, un po’ come il maiale, rappresentava una scorta proteica e di grassi non indifferente per i contadini durante la stagione invernale. Ed è così che è nata l’iniziativa dei ristoratori padovani per il mese di novembre e cioè di proporre varie ricette a base di oca che, come altri animali da corte è tipica del territorio della provincia padovana.

Come ogni festa religiosa e tradizionale anche San Martino da sempre è stato un appuntamento sentito da tutta la comunità di abitanti del paese che festeggiavano assieme includendo anche i mercanti che venivano da fuori in occasione delle fiere franche, fiere ed occasioni di incontri e scambi commerciali per le quali le autorità locali sospendevano il pagamento dei dazi.

La festa di San Martino fin dal medioevo era accompagnata dalle fiere del bestiame, gli animali con le corna (mucche, buoi, tori, capre, montoni) sicchè da qui al detto popolare diffuso in alcune zone d’Italia secondo cui San Martino sarebbe patrono dei cornuti il passo è breve. Preferisco un’altra leggenda secondo la quale San Martino sarebbe patrono degli osti in quanto pare trasformò l’acqua in vino!

Sagre e fiere franche in provincia di Padova dedicate a San Martino

A partire dalla parrocchia di San Martino in località Voltabrusegana dove sono cresciuto fino a molti paesi della provincia di Padova sono molte le manifestazioni legate a questo Santo: la classica Sagra di San Martino, popolare con le giostre, gli stand enogastronomici, le iniziative delle pro loco locali ma di seguito vi segnalo le principali, quelle che possono contare anche sulle tradizionali ed antiche fiere franche con tanto di esposizione e vendita di bestiame e di macchine agricole.

Antica Fiera di San Martino a Piazzola sul Brenta (PD) (dal 3 all’12 novembre). Leggi storia e programma qui: http://www.propiazzola.it/eventi/fiera-di-san-martino-edizione-2018/;

Fiera di San Martino a Piove di Sacco (PD) (dal 3 al 18 novembre) Domenica 11 il giorno della fiera franca

Sagra del Vino e Mostra dei vini Doc e Docg dei Colli Euganei a Luvigliano (Dal 27 ottobre all’11 novembre) Presso Villa Pollini di Luvigliano. Per info:https://www.facebook.com/Luvigliano-169264409755031/

-Cantine Aperte per San Martino (10-11 novembre). Torna l’iniziativa del Movimento Turismo del Vino con Cantine Aperte. Per info: https://www.facebook.com/events/523570284776183/

 

Alberto Botton

 

Condividi il post! ;)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.