Home Arti e cultura Lake District & Esteras, da Padova in viaggio nel mondo con il...

Lake District & Esteras, da Padova in viaggio nel mondo con il folk!

5668
1

Per quei padovani che amano la musica ed in particolare la musica dal vivo e non sono nati “ieri”, il nome Lake District richiama più probabilmente la folk band di Padova che la regione del nord-ovest dell’Inghilterra nota per aver ispirato i poemi di William Wordsworth, Samuel Coleridge e altri.

Personalmente li ricordo fin dal loro esordio quando, negli anni ’90 da studente liceale riscuotevano da subito un notevole successo e vista la comune età con alcuni dei componenti della band e ad alcune amicizie comuni andavo spesso ad ascoltarli. Per quanto mi riguarda, poi, andare ad un concerto dei “Lake” andava di pari passo con la mia passione di allora con il folk irlandese quali Dubliners, Chieftains, Pogues etc etc, musica legata a doppio filo con le tradizioni musicali più antiche così come al racconto di un terra e del loro popolo.

Andrea "Enea" Rigato
Andrea “Enea” Rigato (foto di Giorgia Chiaro)

La musica dei Lake District (foto di apertura di Giorgia Chiaro), infatti, giunti lo scorso anno al traguardo di vent’anni di storia, è proprio espressione del folk, con cover di canzoni dalla tradizione inglese ed irlandese, piuttosto che di altri paesi europei e del mondo, e di pezzi propri composti da Andrea Rigato, cantante e frontman del gruppo, ma anche dagli altri musicisti, tutti di alto livello. Li ho rivisti con piacere qualche settimana fa, in occasione del Birrinitaly, festival della birra artigianale alla Fiera Campionaria e ho potuto così scambiare due parole proprio con Andrea Rigato, padovano residente ormai da anni a Lisbona.

Lake DistrictGuardandomi il dvd del loro “live” dell’edizione 2013 del Macello, ho riascoltato canzoni storiche e pezzi composti più di recente. Chi ha visto i Lake dal vivo sa quanto sia trascinante la loro musica, per tutti, adulti e bambini…Ai loro concerti, ci sono sempre bambini che ballano sotto al palco, ai bambini credo piaccia il folk… Sarà comunque l’atmosfera festaiola che creano i molti musicisti sul palco, la vivacità del suono della fisarmonica, del violino, del flauto, delle percussioni. Visitate il loro sito per restare aggiornati sui loro prossimi concerti e per andare a leggervi la loro storia, chi sono i musicisti e la loro discografia: http://www.lakedistrictmusica.blogspot.it/

lake district musica folk
Live al Macello Festival (Foto di Giorgia Chiaro)

Un piccolo rammarico che esprimo quando parlo di musica folk a Padova, lo stesso scrissi tempo fa parlando dei Calicanto, è che probabilmente sia andata perduta la memoria di canzoni tradizionali locali e/o che non ci siano band o quantomeno canzoni che raccontino la città di Padova e la vita della sua gente nel corso degli anni. Prima ho citato la band di Dublino dei Dubliners, potrei citare anche cantautori quali De Andrè che la loro città l’hanno cantata eccome. Se escludiamo le canzoni di Umberto Marcato, “Ma quando torno a Padova” o “Sotto l’ombra della Specola” non ne conosco molte altre….

Esteras live alla Mela di Newton PadovaAndrea “Enea” Rigato ha inoltre avviato, da un paio d’anni, assieme ad Andrea Borgo e Francesco Mattarello dei Lake Disctrict, assieme a David Soto Chero, il progetto “Esteras“, autori di Amori d’Oltrecuore”, una selezione di canzoni d’autore (proprie e di intensi compositori dell’area anglofona e latinoamericana) che cantano l’Amore fuori dagli schemi della musica leggera contemporanea. Io ho avuto la fortuna di vederli dal vivo alla Mela di Newton lo scorso anno (vedi foto a sinistra), ed il loro concerto acustico fu davvero molto bello!

Visitate il loro sito ufficiale: http://www.esteras.it/ e partite per questo viaggio musicale nel mondo ascoltandoli/vedendoli in questo video/promo!

Alcuni contenuti e funzionalità non sono disponibile per via delle tue preferenze relative al consenso dei cookies

Questo accade quando queste funzionalità/contenuti indicati con “Google Youtube” utilizzano cookies che hai scelto di mantenere disabilitati. Per vedere questi contenuti o usufruire di queste funzionalità è necessario abilitare i cookies: click here to open your cookie preferences.

Alberto Botton

 

 

1 COMMENT

  1. ciao Alberto e complimenti per l’articolo. Spero di incontrarti presto alla ns prossima uscita in pubblico
    Sandro Bortolami

Comments are closed.