Home Mercati e mercatini Mercato Prato della Valle, anzi…mercati e mercatini della grande piazza

Mercato Prato della Valle, anzi…mercati e mercatini della grande piazza

139
0
mercato Prato della Valle Padova

Fin dai tempi più antichi l’area fu adibita ad attività ludiche e al commercio ed è così anche oggi con il mercato di Prato della Valle


Il Prato della Valle è uno dei luoghi simbolo di Padova, dei più rappresentativi e da sempre quest’area è stata dedicata al tempo libero, alle manifestazioni pubbliche di piazza e al commercio: qui vi parlo del mercato Prato della Valle, o forse meglio dire dei mercati e mercatini in un post che inserisco nella categoria “Mercati e mercati di Padova“.

Commercio e tempo libero, le vocazioni di Prato della Valle

L’aspetto monumentale che conosciamo oggi di questa che è una tra le più grandi piazze d’Italia e d’Europa lo si deve allo straordinario progetto di Andrea Memmo, provveditore di Padova per la Serenissima Repubblica di Venezia. Siamo nel 1767 quando l’area cambia proprietà e passa dal monastero di Santa Giustina all’amministrazione della città. I lavori cominciarono nel 1775 per proseguire nell’Ottocento e che andarono avanti in parallelo ad alcune trasformazioni dei palazzi e delle aree che delimitano la piazza stessa. Il progetto non venne mai completato come lo immaginava Andrea Memmo ma va detto che l’obiettivo del progetto era quello di bonificare un’area paludosa e malsana rendendo razionali e funzionali gli spazi per l’attività di commercio ed eventi fieristici.
La fontana al centro dell’Isola Memmia, seppur prevista nel progetto originale, fu realizzata solo nel 1926.
La canaletta che delimita l’Isola Memmia, infatti, fu realizzata non solo a scopo paesaggistico ma anche per raccogliere le acque di bonifica della zona.

In precedenza qui si svolgevano fiere e vendite di animali e qui nel 1766 si svolge le prime corse con le bighe (dette “Padovanelle”) antenate dei moderni sulky, corse che si svolsero fino al XX secolo. Corsa dei fantini in Prato della Valle” di Giorgio Fossati è un bel dipinto esposto ai Musei Civici di Padova “Agli Eremitani”.

https://www.instagram.com/p/BcjwWw6lwCe/

Già nel Medioevo, a partire dal XII secolo sono documentati eventi e giochi popolari oltre a rappresentazioni religiose e, all’epoca della Patavium romana, qui sorgeva lo Zairo, un importante teatro romano risalente al 60-70 D.C.

Sarà l’aspetto monumentale ma talvolta leggo sui social che qualcuno storge ancora il naso quando viene a sapere dei moltissimi eventi ed iniziative, quasi che questi sviliscano il valore storico artistico del Prato della Valle. Niente di più falso, guardando alla storia si capisce che la vocazione del Prato della Valle è sempre stata il commercio, il tempo libero e le manifestazioni popolari e pubbliche.

Il mercato Prato della Valle. Ogni sabato il mercato dell’abbigliamento e dei fiori

Ogni sabato il mercato Prato della Valle regala alla zona un’atmosfera di paese di provincia animato grazie al suo mercato settimanale.
Sono moltissime le bancarelle di abbigliamento, calzature, piante fiori, oggetti in vimini che occupano quasi tutto lo spazio che circonda l’Isola Memmia e sono moltissime le persone che lo frequentano alla ricerca di quel che serve ad un prezzo conveniente.
E’ un appuntamento fisso per Padova quello del mercato del sabato in Prato della Valle ed è sempre piacevole attraversarlo e curiosare qua e là sentendosi parte della città.

Il mercato settimanale di frutta e verdura in Prato della Valle

View this post on Instagram

Il mercatino ortofrutticolo di Prato della Valle

A post shared by blogdipadova (@blogdipadova) on

Non solo il mercato del Prato della Valle del sabato ma c’è anche il mercato di frutta e verdura in Prato della Valle. Si tratta di un certo numero di bancarelle trasferitesi qui dal mercato di Piazza delle Erbe. Durante la settimana si svolge nell’area settentrionale della piazza, dalle 07,30 alle 13,30 mentre il sabato, per lasciare spazio al mercato non alimentare, le bancarelle di frutta e verdura si spostano nella zona a sud-est della piazza, di fronte alla Basilica di Santa Giustina dalle 07,30 alle 20,00.

Il mercatino dell’antiquariato di Padova

mercatino antiquariato Padova - mercatini provincia di Padova

Ogni terza domenica del mese si svolge poi il mercatino antiquariato di Padova in Prato della Valle dedicato all’antiquariato e all’usato. E’ un vero piacere svegliarsi la domenica mattina e passeggiare prima di pranzo (ma il mercatino è aperto tutto il pomeriggio) e girovagare tra le molte bancarelle. Non sono un collezionista di mobili ed oggetti d’antiquariato di pregio, che si trovano, ma personalmente amo sfogliare vecchi libri, giornali, documenti storici e fumetti ed ogni tanto qualche acquisto lo faccio.

Non è così grande e rinomato come il mercatino di antiquariato di Piazzola sul Brenta ma anche qui si trovano cose interessanti e, ripeto, anche per i non appassionati del genere fare una passeggiata tra questi oggetti d’altri tempi è sempre piacevole.

Mercatini e manifestazioni stagionali

View this post on Instagram

Osteria triestina ad Europa in Prato….delicatessen!

A post shared by Alberto (@albertobotton) on

Durante tutto l’anno si svolgono poi manifestazioni ed iniziative di ogni genere. Tra queste ci sono i mercatini dedicati all’agricoltura biologica e del territorio, legata quindi alla stagionalità ma anche altri mercatini. Tra questi:

  • “L’Europa in Prato”. Si svolge ogni anno e dura sempre 3 o 4 giorni attorno al 25 aprile- 1 maggio e consiste in un enorme festa con tantissime bancarelle ad occupare l’intera superficie del Prato della Valle.
    Quest’anno, per via del lockdown è stato rimandato e si terrà dal 30 agosto al 1 settembre. Per info: https://www.facebook.com/events/284161029453344/

    Sono bancarelle di prodotti, cibo, artigianato da tutta Italia e da moltissimi paesi d’Europa. Una bellissima occasione per stare all’aperto, gironzolare tra i banchi facendosi guidare da profumi ed aromi di ogni sorta e fermarsi a gustare piatti tipici e golosità del continente.
    L’osteria triestina è la tra le mie preferite ma poi qui potrete trovare ogni ben di Dio: stand tedesco con lo stinco di maiale innaffiate alla birra, hotdog dai Balcani, carne argentina e brasiliana, cibo, thai, birra irlandese e gadget vari, dolci siciliani, street food greco e chi più ne ha più ne metta.
    E ricordatevi che “L’unico modo di liberarvi dalle tentazioni è cerdervi” (Oscar Wild)
  • etc etc (aggiornerò via via che si terranno i prossimi mercatini)

Alberto Botton

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.