Home Arti e cultura Padova 1888, riscopriamo la Padova ottocententesca rileggendo il romanzo “La giostra dei...

Padova 1888, riscopriamo la Padova ottocententesca rileggendo il romanzo “La giostra dei fiori spezzati”!

2986
0
Portello Padova

Ciao a tutti! Questo che leggete di seguito è un post pubblicato nel dicembre 2014 e dedicato ad una delle prime iniziative proposte dal sottoscritto in collaborazione con altri amici per valorizzare sul piano culturale e turistico il romanzo gotico “La Giostra dei fiori spezzati” di Matteo Strukul. Nel corso degli anni l’idea è cresciuta, il progetto si è sviluppato e promette ulteriori interessanti sviluppi.  Tra questi il Tour nella Padova Gotica dell’800 proposto assieme alle guide turistiche di PadovaWalks!

Alberto Botton, Padova 16/01/2018

—————————————————————————————————————————————–

Ciao a tutti! Questa mattina sono lieto di presentarvi quanto faremo per le prossime settimane assieme ad un paio di amici.
Il bello della rete è quando dalla dimensione virtuale si esce in strada e si incontrano le persone davanti ad un caffè o una birra, si chiacchiera del più e del meno e si condividono passioni, interessi, obiettivi e talvolta poi si finisce per collaborare a qualche progetto o attività che ci diverte fare.

E’ quanto è successo tra me, Alberto Botton del Blog di Padova quando ho conosciuto un paio d’anni fa lo scrittore Matteo Strukul nella fase in cui stava ricercando materiali per la sceneggiatura del suo romanzo, uscito poi lo scorso aprile e di cui ho già parlato più volte “La giostra dei fiori spezzati. Il caso dell’angelo sterminatore” edito da Mondadori, nonchè uno dei fondatori del movimento letterario Sugarpulp.

Matteo “Brisco” Bernardi, architetto, appassionato di fotografia e Instagram, l’avevo conosciuto tramite le sue foto con lo smartphone e come vincitore del contest dal titolo #gothicpadova che avevamo organizzato noi del Blog di Padova assieme alla community IgersPadova la scorsa primavera con il quale si voleva celebrare l’uscita del romanzo premiando fotografie in grado di cogliere suggestioni ed atmosfere dark nella nostra città.

Ma arriviamo al dunque. Visto che tutti e tre amiamo la nostra città e ognuno di noi, chi con questo blog, chi con la letteratura, chi con la fotografia cerca di dare un proprio contributo per farla conoscere, apprezzare anche ai detrattori, ci siamo incontrati in quello spazio culturale “underground” che è il Sottopasso della Stua e abbiamo pensato a “Padova 1888. Un itinerario per immagini rileggendo il romanzo gotico “La giostra dei fiori spezzati”.

Per chi non l’avesse ancora letto (leggete qui la mia recensione) si tratta di un romanzo ambientato a Padova proprio nel 1888 ed è un romanzo gotico, dark, noir perchè come nella Londra vittoriana di Jack The Ripper anche Padova in quegli anni aveva i suoi lati oscuri.

Padova 1888Utilizzeremo la pagina facebook del Blog di Padova per postare piccole “pillole” riguardanti la Padova dell’800 partendo e seguendo la trama del romanzo, un’epoca secondo noi assolutamente affascinante e da riscoprire. Cliccate qui per vedere l’album con le foto storiche e l’itinerario #Padova1888!

Benissimo la straordinaria ricchezza artistica ricevuta in eredità dalla Signoria Carrarese ma ritengo che l’800 (e anche il ‘900), la vita quotidiana dei padovani, la cultura popolare siano porzioni di identità cittadina non tanto da sottovalutare ma da iniziare a valorizzare. Per le foto storiche che posteremo attingeremo al gruppo facebook della community della “Vecchia Padova”, un gruppo di campioni della “patavinitas” assolutamente da seguire!

Non solo. Padova 1888 vuole essere inoltre una mostra fotografica. Matteo “Brisco” Bernardi infatti esporrà le sue fotografie ispirate ai luoghi del romanzo che assieme a quanto pubblicheremo sui social network andrà a costituire un itinerario alla scoperta dei luoghi più “noir” di Padova. La mostra, organizzata con il patrocinio dell’Assessorato alla Cultura e al turismo del Comune di Padova, verrà inaugurata sabato 21 febbraio al Sottopasso della Stua alle ore 18. La mostra, ad ingresso libero, rimarrà aperta fino al 15 marzo tutti i giorni con orari dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18. Visitate la pagina evento su facebook!

Alcuni contenuti e funzionalità non sono disponibile per via delle tue preferenze relative al consenso dei cookies

Questo accade quando queste funzionalità/contenuti indicati con “Google Youtube” utilizzano cookies che hai scelto di mantenere disabilitati. Per vedere questi contenuti o usufruire di queste funzionalità è necessario abilitare i cookies: click here to open your cookie preferences.

Alberto Botton

Condividi il post! ;)