Belzoni esploratore antico Egitto

Giovanni Belzoni, l’Indiana Jones di Padova!

Per la rubrica “personaggi illustri“, dedichiamo questo post a Giovanni Belzoni, (nome completo Giovanni Battista Belzoni), esploratore ed egittologo, forse più conosciuto all’estero che non a Padova, un vero personaggio ma mai abbastanza illustre come meriterebbe di essere. Per la sua incredibile vita avventurosa la sua figura meriterebbe una maggiore valorizzazione se è vero che le avventure vissute dal nostro Belzoni pare abbiano ispirato il personaggio cinematografico Indiana Jones, noto in tutto il mondo e creato da George Lucas. Scusate se è poco! Ma sappiamo bene che il detto “Nemo propheta in patria est” è particolarmente azzeccato a Padova…

Giovanni Belzoni esploratore egittologo PadovaDopo aver letto la sua biografia è infatti facile associare Giovanni Belzoni (vedi nell’immagine a sinistra un ritratto con il look “alla araba” che prese dal momento in cui iniziò a fare l’esploratore) ad Indiana Jones (omaggiato poi da Walt Disney con il personaggio a fumetti Indiana Pipps, eheeh) o ad altri personaggi spesso esaltati dal cinema piuttosto che dalla letteratura proprio per la sua vita avventurosa a tal punto che appare molto verosimile il fatto che ad ispirare George Lucas nella creazione del suo personaggio cinematografico fu proprio l’esploratore padovano. D’altra parte il “vero” Indiana Jones seppur noto in determinati ambienti, non ha di certo la popolarità di quello interpretato da Harrison Ford e la prima responsabile è senz’altro la sua città natale, la nostra Padova se è vero che Belzoni è mediamente più noto come l’istituto professionale che da Giovanni Belzoni prende il nome.

Casa dell'esploratore Giovanni Belzoni a Padova

Casa del Belzoni

Nacque a Padova nel 1778 da una famiglia modesta e fino all’età di 16 anni aiutò il padre nella bottega di barbiere al Portello. Quella sulla sinistra è la sua casa, al civico 42 di via Belzoni, la casa di Indiana Jones!! Avete visto che insegna, eh?

Fin da giovane Giovanni Belzoni si trasferì a Roma dove iniziò ad interessarsi soprattutto di idraulica, ma cominciandosi anche ad accostare all’archeologia, forse sotto il fascino delle rovine dell’antica Urbe. Si trasferì poi a Parigi, dove si mise  vendere per strada immagini sacre e altri oggetti. Per evitare la coscrizione nell’esercito napoleonico riparò in Inghilterra nel 1803 dove tra i vari lavori arrivò a fare anche l'”uomo forzuto” in un circo. Era alto 2 metri e aveva un fisico imponente. Si presentava al pubblico come Patagonian Sanson (Sansone della Patagonia) ed il suo numero principale era quello di riuscire a sollevare una piramide umana di 12 persone!!

Viaggiò poi in Spagna, Portogallo, Sicilia e Malta, allestendo anche spettacoli di idraulica applicata, creando giochi di acqua e di fuoco, che ebbero molto successo nel mondo del teatro. Nel 1815, durante un soggiorno nell’isola di Malta venne a sapere che il viceré d’Egitto, Mohammed Ali, era alla ricerca di nuove soluzioni nel campo di idraulica per risolvere problemi legati all’irrigazione. Si decise così a partire per l’Egitto per mettere a disposizione le sue conoscenze nel campo. Fu l’inizio di una nuova vita. Giovanni Belzoni presentò al sovrano una macchina di sua invenzione per il sollevamento dell’acqua, macchina che però non ebbe il successo sperato. Ma in Egitto Belzoni ebbe modo di conoscere il console generale britannico, Henry Salt, che era anche un amante dell’archeologia egizia, il quale gli commissionò il trasporto, dal tempio funerario di Qurneh (Tebe ovest) al British Museum di Londra, di una statua colossale di Ramesse II (vedi a destra la raffigurazione dello stesso Belzoni). Sfruttando le sue conoscenze di ingegneria idraulica, piuttosto che le sue scarse nozioni archeologiche, Belzoni riuscì a portare a compimento l’impresa, che segnò l’inizio di altre “imprese” archeologiche.

Abu simbelIn un momento in cui l’egittologia era ancora agli inizi e in cui la scrittura geroglifica non era stata decifrata, Giovanni Belzoni si mise a viaggiare per il Paese scoprendo monumenti di grande valore, dedicandosi a scavi e a prospezioni archeologiche in zone anche poco note. Arrivò ad Abu Simbel, iniziando lo scoprimento del tempio di Ramesse II (vedi foto a sinistra, lo stesso tempio di Gardaland per intenderci…;)). Asportò da File un obelisco, che si rivelò poi di grande importanza per la decifrazione della scrittura egizia; condusse scavi nel tempio di Mut a Karnak, da dove prelevò alcune bellissime statue; cominciò ad esplorare la necropoli della Valle dei Re, scoprendo le tombe di Ramesse I e di Sethi I (ottobre 1817). Nel marzo del 1818 trovò l’ingresso della piramide di Chefren, che si pensava massiccia, e l’evento suscitò in Inghilterra un tale entusiasmo, che venne coniata una medaglia commemorativa dell’evento. All’interno della camera sepolcrale mise la sua firma “scoperta da G.Belzoni, 2 marzo 1818). Esplorò anche la città di Berenice sul Mar Rosso e l’Oasi del Fayyum. Molti sono i meriti di Belzoni; tra questi “prudenza estrema nello stabilire la datazione di un monumento…sobrietà e precisione nelle descrizioni… assenza di interpretazioni avventate degli oggetti, e di ogni mitizzazione degli antichi Egiziani”. “Notevoli furono l’impegno nel ricopiare e ricalcare in cera buona parte dei bassorilievi della tomba di Seti I, come pure, rintracciata la città di Berenice, la cura nel rilevare la zona e abbozzare un tentativo di datazione in base ai dati del tempio ivi rinvenuto; precisione e metodo il B. dimostrò nell’apertura della piramide del re Chefren, riuscendo nell’impresa attraverso un attento esame della struttura interna della piramide di Cheope.

Ritratto di BelzoniNel 1819 Belzoni fece ritorno in Inghilterra, avendo procurato al British Museum importanti monumenti egizi, grazie ai quali la modesta collezione egizia era diventata molto importante. Altri cimeli vennero dati a Cambridge, a Bruxelles, a Padova. La relazione dei suoi viaggi fu scritta in inglese in quegli stessi anni, corredata da un bellissimo volume di tavole. Il racconto ebbe un notevole successo, così come la mostra, allestita nella Egyptian Hall di Piccadilly dei calchi grafici tratti dalla tomba di Sethi I. Ai primi del 1823 Belzoni partì nuovamente per l’Africa per conto dell’Associazione africana con sede a Londra. Nel dicembre dello stesso anno, mentre si trovava in Nigeria morì, colpito da malattia.

Statua di Ramesses al British MuseumGiovanni Belzoni quindi fu molto importante per l’archeologia e per un museo quale il British Museum. Leggendo quà e là su internet pare che Rappresentativi Britannici fecero credere a Belzoni che le sue scoperte Egizie gli sarebbero state accreditate. Lavorò instancabilmente,(usando miracolosamente quel suo innato fiuto di ricerca) portando alla luce incredibili reperti attualmente in mostra al British Museum di Londra. Fu impunemente ingannato e usato dall’allora governo Britannico che gli negò l’onore di essere nominato come autore dei ritrovamenti. Se vi recate al British Museum e vedete la statua di Ramesses (vedi foto a sinistra) sappiate che è lì per merito di Belzoni nonostante non troverete scritto il suo nome se non dietro all’orecchio del faraone si cui lo stesso Belzoni iscrisse il suo nome. La BBC qualche tempo fa racconto` la vita del Grande Belzoni in un serial televisivo, esponendo finalmente una verita` che per troppo tempo fu soppressa. Sarebbe bello un giorno poter vedere il suo nome inscritto al British Museum, vicino ai suoi amati reperti egizi.

C_1_Immagini_2317_Immagine

La Sala Egizia al Caffè Pedrocchi (foto padovanet.it)

A Padova gli è stata dedicata una via nel cuore del borgo dove era nato, il Portello,il più popolare dei borghi padovani, via Belzoni appunto di cui parlerò magari in futuro nella rubrica “le strade di Padova”. Presso il Museo Archeologico all’interno del complesso dei Musici Civici degli Eremitani esiste una sezione egizia formata da due sale dedicate al pionere dell’egittologia Giovanni Belzoni.

Una curiosità è rappresentata anche dal fatto che il Belzoni conosceva Jappelli, il noto ingegnere ed architetto che progettò il Caffè Pedrocchi, al cui interno, la Sala Egizia e quella Moresca rappresentano proprio un omaggio di Jappelli all’esploratore padovano.

Insomma l’omaggio a Belzoni è stato fatto su un piano “intellettuale” ma non popolare se è vero che la maggioranza dei padovani associa a Belzoni molto più probabilmente all’istituto professionale che ad Indiana Jones o comunque ad un esploratore ed uno dei più importanti egittologi al mondo.

Riuscirà mai a Padova, una volta tanto, di dimostarsi un po’ orgogliosa e di “rivendicare” la legittimità di una paternità di un personaggio così famoso in tutto il mondo? Non dico di acquistare la casa per farci il museo di Indiana Jones e dell’esplorazione (ma anche si) ma far qualcosa in più per valorizzare questa figura a scopo turistico/culturale!

Intanto ci ha pensato la “mitica” Sergio Bonelli edizioni qualche anno fa con la pubblicazzione del fumetto del disegnatore romano “Walter Venturi” dal titolo “Il grande Belzoni”, uscita che avevo segnalato con questo post, distribuito in tutta Italia, presentato in varie città, compresa Bruxelles ma non ancora a Padova….

Alberto Botton

http://about.me/abotton

Condividi il post! ;)