Home Consigli utili Come muoversi a Padova. Trasporto pubblico e mobilità alternativa

Come muoversi a Padova. Trasporto pubblico e mobilità alternativa

3213
0
Muoversi a Padova - come spostarsi a Padova

Come muoversi a Padova. Tram e autobus Padova e mobilità alternativa. Un’esigenza primaria nelle città e ancor di più nelle città contemporanee è la mobilità, la possibilità di spostarsi, preferibilmente in tempi rapidi, da casa a lavoro e verso i luoghi della socialità e del tempo libero. Ho pensato di scrivere questo post da inserire nello spazio dedicato ad offerte e consigli utili  per segnalare a residenti, pendolari, city users e turisti le opportunità offerte dal trasporto pubblico e le varie modalità alternative disponibili per spostarsi a Padova.

Se la lista delle opportunità non dovesse essere completa sarà mia premura integrarla e migliorarla, per cui invito chi legge a farmi sapere se è a conoscenza di altre iniziative in questo ambito.

Non parlerò quindi in questo post di mobilità individuale tramite l’uso di un’automobile privata: per l’utilizzo di questa ho scritto un post con qualche suggerimento su dove parcheggiare a Padova.

Mezzi pubblici. Tram e autobus Padova

muoversi a Padova - tram e autobus Padova

Pensando alla mobilità in una città la prima opportunità a cui si pensa è quella dei mezzi pubblici e la domanda di un trasporto pubblico a Padova che sia efficiente non manca. A fornire questo servizio è l’azienda BusItalia Veneto che gestisce il trasporto urbano ed extraurbano delle province di Padova e Rovigo.

Il servizio di trasporto pubblico utile per spostarsi a Padova e dintorni consiste nella linea del tram o metrobus della Translohr che collega i due capolinea a Nord e a sud della città presso i quali si può comodamente parcheggiare l’auto e negli autobus.

Essendo Padova una città murata ed essendosi sviluppata urbanisticamente “a stella” lungo direttrici in un uscita/entrata dal centro storico quasi tutte le linee urbane collegano le zone periferiche entrando nel centro storico fino alla stazione dei treni e da qui si dipartono ulteriormente verso aree dove si concentrano determinate funzioni: verso la zona degli Ospedali e verso Padova Est lungo la cui direttrice nel corso degli anni sono sorti il Tribunale, la Fiera, nuovi dipartimenti e campus dell’Università di Padova, il centro direzionale la Cittadella, l’area commerciale fino all’area industriale.

Ricordando che i biglietti si acquistano nella tabaccherie e nelle edicole oltre ad essere possibile l’acquisto via smartphone (ma il biglietto costa un po’ di più) questo è il sito ufficiale di BusItalia dove trovare tutte le informazioni: http://www.fsbusitaliaveneto.it/

Night Bus Padova, il servizio di bus a chiamata per far tardi e rincasare in sicurezza

Recentemente è stato attivato anche il Night Bus, servizio di autobus notturno a chiamata. Night Bus è disponibile nei seguenti giorni/orari:
-lunedì, martedì, giovedì e domenica dalle ore 21:00 alle 24:00;
-mercoledì, venerdì e sabato dalle ore 21:00 alle 3:00.

Il servizio è proposto e fornito dal Comune e dall’Università di Padova in collaborazione con Busitalia Veneto.

MI sembra un’ottima idea qualora vi trovaste in giro di notte ed impossibilitati a tornare a casa in autonomia o qualora aveste programmato una serata “brava” e voleste rientrare in sicurezza. Il Night bus sta già riscuotendo il successo e l’approvazione da chi l’ha provato. I giornalisti del quotidiano online PadovaOggi l’hanno provato. Leggete qui: https://www.padovaoggi.it/cronaca/night-bus-recensione-servizio-chiamata-padova-21-gennaio-2019.html

Prendere il taxi a Padova

Una delle tipiche modalità per spostarsi in una città è quella del taxi. Devo dire di averlo utilizzato pochissime volte in Italia ma indubbiamente anche questo è un servizio utile che non può mancare in una città. Il servizio di Padova taxi è gestito dalla cooperativa RadioTaxi: per chiamare un auto il numero di telefono è 049 651333. E’ possibile richiedere il servizio taxi anche mandando un sms al numero 338 8442000.

Negli ultimi tempi, le modalità di utilizzo del servizio sono state arricchite grazie alle nuove tecnologie quali la messaggistica istantanea: è possibile infatti richiedere un taxi anche con telegram @TaxiPadova inviando l’indirizzo (Città, via, numero civico) , è stata sviluppata un’app per smartphone, AppTaxi. 

Per i collegamenti da e per l’aeroporto è attivo inoltre il servizio AirService.

Tutte le info disponibili al sito ufficiale Taxi Padova: http://www.taxipadova.it/

Muoversi a Padova con il bike sharing: Goodbike Padova

bike sharing Padova - spostarsi a Padova

Il servizio di bike sharing a Padova proposto da Goodbike Padova consiste nella possibilità, grazie a varie formule di abbonamento, di utilizzare una bicicletta prelevandola da una delle varie stazioni per poi depositarla in un’altra (o anche nella stessa). Se la si usa e la si rideposita entro mezz’ora non è previsto alcun costo aggiuntivo rispetto all’abbonamento: il bike sharing non è infatti da confondersi con il noleggio bici essendo pensato per gli spostamenti.

Goodbike Padova è un’altra delle opportunità per muoversi a Padova, che può essere un’alternativa all’auto privata e, per ora, soprattutto all’uso di autobus e tram.

Il bike sharing, infatti, è utile per spostarsi a Padova all’interno del centro storico visto che la maggioranza delle “stazioni” da dove si può prelevare e/o depositare la bici è collocata in centro storico e, in alcuni luoghi strategici, frequentati per esigenze di studio, lavoro quali il Portello, il Tribunale, la Fiera, il centro direzionale “La cittadella” in zona Stanga, nelle vicinanze dell’Ospedale.

Sono un utente di questo servizio fin dall’inizio e devo dire di esserne soddisfatto anche se in molti lamentano una non adeguata manutenzione delle bici. Personalmente continuo a sperare in un aumento del numero di stazioni/depositi di bici e  soprattutto in un allargamento ai quartieri.

Le formule di abbonamento sono varie e ritengo coprano l’ esigenza di muoversi a Padova di tutti, residenti e turisti compresi. Per i turisti infatti c’è la possibilità di abbonarsi per un solo giorno per 4 ore senza tariffazione o per 48 ore con 8 ore di utilizzo senza tariffazione. In  questo modo, il turista può raggiungere in bici il luogo di interesse che intende visitare, depositare la bici per poi prelevarla nuovamente quando intende raggiungere un’altra zona della città.

Scopri qui le formule di abbonamento, le modalità di abbonamento online oppure i luoghi dove è possibile acquistare l’abbonamento: http://www.goodbikepadova.it/frmAbbonati.aspx

Bike sharing a flusso libero: Mobike Padova

Mobike Padova bike sharing a flusso libero

Altra opportunità messa a disposizione dal Comune di Padova per spostarsi in modo sostenibile è Mobike, il servizio di bike sharing a flusso libero. Si tratta di biciclette che si possono utilizzare liberamente senza vincoli di tempo e la possibilità di lasciarle in giro per la città (ovviamente con le dovute cautele) a differenza del servizio Goodbike che prevede il ricollocamento ad una “stazione”. Una volta terminato l’uso si aziona un lucchetto sbloccabile solo dal succesivo utilizzatore tramite App. Per usufruire del servizio di Mobike Padova (300 bici classic e 300 bici “lite”disponibili 24 h su 24) è necessario scaricare l’apposita App e registrarsi. Per tutte le info sul funzionamento e sui costi: http://www.padovanet.it/informazione/mobike-il-servizio-di-bike-sharing-flusso-libero-disponibile-citt%C3%A0

Car Sharing. Muoversi a Padova senza la propria automobile

Car sharing Padova - spostarsi a Padova

Un’altra opportunità per lasciare la propria auto in garage o comunque per muoversi a Padova è quella offerta dal Car Sharing.

Il car sharing Padova è un servizio attivato da Aps Holding ed è una modalità per spostarsi in città sempre più apprezzata perché unisce il vantaggio di avere a disposizione un’automobile a quello di non dover sostenere costi di manutenzione, assicurazione ne preoccuparsi del carburante etc etc che comporta l’auto di proprietà. Il costo del servizio infatti si calcola solo sommando al costo di un necessario abbonamento annuale quello dell’effettivo utilizzo del veicolo che si ottiene sommando tariffa oraria e chilometrica. Con l’abbonamento, l’utente si vedrà consegnata una propria smartcard personale, username e password necessarie per prenotare la propria auto: la prenotazione si può richiedere anche solo 15 minuti prima dell’utilizzo! Il pagamento poi avverrà a fine mese in base ai consumi effettivi di utilizzo.

E’ un vantaggio economico soprattutto per chi non deve fare moltissimi km e deve utilizzare l’auto solo quando ne ha realmente bisogno. Senza dimenticare i vantaggi per l’ambiente visto che un auto in car sharing riesce in media a togliere dalle strade 15 auto di proprietà. Recentemente poi il Car Sharing Padova ha arricchito la propria flotta con auto elettriche e a metano!

Professionisti e comunque chi in lavora in centro storico lo sceglie volentieri anche perché le auto del Car Sharing possono parcheggiare comodamente e gratuitamente sugli stalli blu, possono transitare liberamente lungo le corsie preferenziali, nelle zone a Ztl e non sono soggette ad iniziative di blocco del traffico. In questo modo è più semplice muoversi nel centro storico di Padova per incontrare clienti, fornitori etc.

C’è chi ha l’esigenza, magari anche temporanea, di una seconda auto in famiglia ed il car sharing, anche per costoro, diventa una bella opportunità per non sostenere i costi di un nuova auto, in particolare modo se non si prevede di fare molti km. E’ un vantaggio anche per le aziende perché i costi delle trasferte sono deducibili e comunque sotto controllo in quanto è possibile pianificare gli spostamenti.

Sono inoltre attive molte convenzioni e agevolazioni.

Il sito web è ben organizzato e presenta molto bene il servizio. Visitatelo qui: http://www.carsharingpadova.it

 

…e poi in bici, a piedi, sugli skates e monopattini vari (anche se “errata corrige”, “mi sono corretto” “grazie ad un lettore” attenzione)!

E poi, per finire, per tragitti più o meno brevi e che lo consentano per muoversi a Padova non dimentichiamoci delle biciclette e  della possibilità di andare semplicemente a piedi, attività per altro salutari, oltre a tutte quelle modalità di mobilità che nel corso degli anni si sono diffuse specialmente nei contesti urbani.

E qui arrivo ad aggiornare questo articolo grazie al commento di un lettore sulla pagina facebook del blog. Ispirato da quanto vedo a Barcellona, città che frequento spesso (un paio di volte all’anno) perché ci vive mio fratello avevo suggerito che si potrebbe usare mezzi alternativi per spostarsi a Padova come skates, pattini, hoverboard etc etc, al di là della difficoltà di usare questi mezzi su strade a ciottoli o a porfido. Ebbene Francesco Haymar d’Ettory ha commentato così “Occhio che in Italia monopattini, hoverboard, skates, pattini etc sono multabili fino a 100€ se su strada, marciapiede o passaggio pedonale. possono andare solo su pista ciclabile (e auguri a smontare e rimontare ogni 100 metri)“…Grazie per la precisazione.

Tuttavia, visto che in questa epoca storica, anche per combattere l’inquinamento, si stanno promuovendo nuove modalità di trasporto pubblico e di mobilità sostenibile, mi sembrerebbe opportuno regolarizzare ma non vietare anche questi moderni mezzi di mobilità urbana sostenibile! Che dite?? 

Alberto B

autobus padova, tram padova, orari autobus padova, sita orari, sita padova, orari sita, bus padova, orari busitalia padova, trasporti padova, aps padova,

Condividi il post! ;)

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.