Home Arti e cultura Le Mostre in Veneto da non perdere – Blog di Padova

Le Mostre in Veneto da non perdere – Blog di Padova

4
37583
mostre in Veneto

Mostre in Veneto vuol essere un post dinamico per suggerire tramite un semplice elenco con un link di approfondimento quali mostre visitare in Veneto. Dinamico perché verrà aggiornato inserendo nuove mostre in apertura ed altre di cui mi pervenisse notizia.

In primis qui troverete le grandi mostre nei principali spazi espositivi del Veneto: da Palazzo Grassi, Palazzo Ducale, Punta della Dogana etc etc a Venezia. Palazzo della Ragione, Centro Culturale Altinate San Gaetano, Palazzo Zabarella a Padova. Mostre a Palazzo Roverella a Rovigo, mostre a palazzo Carraresi a Treviso e palazzo Sarcinelli. Dal Castelvecchio a Verona alla Basilica Palladiana, al Palladio Museum e a Palazzo Leone Montanari a Vicenza, e tutti gli altri.

Dall’arte contemporanea alle sempre popolari mostre sugli Impressionisti e a tutte le varie mostre in Veneto d’arte, mostre storiche e scientifiche proposte sul territorio.

E poi, come blog locale padovano non posso non menzionare Padova Urbs Picta, gli affreschi del Trecento inseriti nella lista del Patrimonio Unesco dell’umanità. Un museo d’arte diffuso in tutto il centro storico con gli straordinari affreschi trecenteschi che, a partire da Giotto e con il fondamentale contributo degli artisti “giotteschi” che hanno saputo raccogliere l’eredità del maestro, hanno rivoluzionato l’arte pittorica accompagnandola al Rinascimento.

PS: Portate pazienza se magari mi sfugge qualche mostra importante ma capirete anche voi che non è facile tenere aggiornate tante informazioni in un blog pieno di articoli come questo. Piuttosto segnalatemela in modo che possa inserirla. Meglio se per tempo. Grazie.

In quanto Blog di Padova, in materia di eventi e mostre mi concentro in primis sul mio territorio suggerendo ad esempio eventi ed iniziative in programma a Padova mentre sulla pagina Visitare Padova presento tutte le sezioni del blog che contengono informazioni di natura turistica e culturale sulla Città dei tre senza“.

Le prossime inaugurazioni

  • Rovigo (Palazzo Roverella). Dal 26 settembre al 31 gennaio 2022 la mostra “Robert Doisneau“, dedicata al grande maestro della fotografia, celebre per uno dei baci più belli della fotografia.
  • Conegliano, Treviso (Palazzo Sarcinelli). Dal 1 ottobre 2021 al 28 febbraio 2022 arriverà la grande fotografia a Conegliano grazie alla mostra “Steve McCurry. Icons”. Oltre 100 fotografie, una completa rappresentazione dello stile e della esclusiva visione estetica del famoso fotografo. Il percorso espositivo accompagnerà il visitatore alla scoperta del suo talento, con immagini di grande impatto emotivo e di sicura fascinazione.
    Per info: https://www.facebook.com/events/316102702819737/
  • Padova (Musei civici Agli Eremitani). Dal 30 ottobre 2021 al 31 gennaio 2022 sarà possibile visitare una mostra ed un progetto artistico di grande fascino “A riveder le stelle“, una mostra di arte contemporanea che vuol indagar il dialogo tra Giotto e Dante.
    Per info: https://www.facebook.com/thebankcontemporaryartcollection/

Mostre in Veneto luglio 2021

Per tutte le mostre segnalate vi raccomando di visitare i rispettivi siti ufficiali e di consultare le informazioni su giorni ed orari di apertura perché non tutti sono aperti tutti i giorni per tutta la giornata.
Dovrebbe essere logico ed un consiglio superfluo il mio tuttavia come dice il detto “uomo, ma anche donna, avvisato, mezzo/a salvato/a”!

Mostre a Padova 2021

  • Padova (Galleria Cavour). Dal 9 luglio al 5 settembre “Legends Mapping II”, la mostra di Julien Friedler , artista belga che, con questa esposizione di circa cento opere vuol indagare la percezione individuale delle immagini e l’idea concettuale che ne ha l’artista. Ingresso libero.
    Per info ed approfondimento clicca sul link precedente.

Mostre a Venezia 2021

Mostre a Verona 2021

  • Verona (Galleria d’Arte Moderna Achille Forti a Palazzo della Ragione). Dal 27 giugno 2020 al 31 dicembre 2021 mostra “La mano che crea. La Galleria pubblica di Ugo Zannoni (1836-1919). Scultore, collezionista mecenate“.
    Per info: http://www.gamverona.it/nqcontent.cfm?a_id=69445
  • Verona (Galleria d’Arte Moderna Achille Forti, Museo Castelvecchio e altri sedi). Dal 7 maggio al 3 ottobre 2021 “Tra Dante e Shakespeare. Il mito di Verona”.

Mostre a Rovigo 2021

Mostre a Belluno 2021

Mostre a Treviso 2021

  • Conegliano, Treviso (Palazzo Sarcinelli). Dal 3 luglio all’8 agosto mostra “Polifonie” di Tetsuro Shimizu.
    In mostra saranno presenti le opere che ripercorrono gli ultimi 12 anni del percorso artistico di Tetsuro Shimizu; opere di grande forza coinvolgente e impatto emotivo.Info e prenotazioni: 3382705193

Mostre a Vicenza 2021

Altre esposizioni temporanee a Padova ad ingresso libero

Ai luoghi, siano essi istituzionali, sia più informali quali bar e locali, dove poter trovare una mostra d’arte, oltre alle mostre in Veneto suggerite in questo post. Sono luoghi che ospitano mostre di artisti emergenti, giovani e meno giovani, da visitare in tutti i periodi dell’anno. Potete leggere l’articolo qui: https://www.blogdipadova.it/dove-visitare-mostre-a-padova/ . 

Sono finora escluse le gallerie d’arte private di cui magari in futuro potrò scrivere, chissà.

Per altre info su mostre ed eventi culturali a Padova vi segnalo il sito di Padova Cultura, sito ufficiale dell’Assessorato al Comune di Padova: http://padovacultura.padovanet.it/it/mostre


Se vi piace andar per mostre e siete soliti condividere post su facebook o foto su Instagram, fatelo anche per le mostre in Veneto taggando #mostreinveneto ! Che ne dite?


Eventi passati relativi alle mostre in Veneto 2021:

  • Rovigo (Palazzo Roverella). Dal 1 aprile 2021 al 4 luglio 2021 “Vedere la musica. L’arte dal simbolismo alle avanguardie“.
  • Rovigo (Palazzo Roncale). Dal 13 marzo al 27 giugno 2021 “Quando Gigli, la Callas e Pavarotti…I teatri storici del Polesine”. Polesine, terra di teatri! Tra otto e novecento c’erano circa 50 teatri attivi, per lo più dedicati alla lirica e al bel canto!

Mostre a Padova 2021 terminate

  • Padova (Sala della Gran Guardia). Dal 4 maggio al 2 giugno “We The People”, mostra di arte contemporanea collettiva (30 artisti), un insieme di volti, di emozioni ed espressioni senza distinzioni di razza, colore e sesso. Promossa dal Comune di Padova, la mostra “We The People” è curata da Elisabetta Bacchin, Enrica Feltracco, Elisabetta Maria Vanzelli, Massimiliano Sabbion e Matteo Vanzan questa mostra collettiva presenta un insieme di volti, creazioni di opere site specific, tra scultura, pittura, video-art e fotografia, o prestando dei lavori che sono affini al tema trattato. In questo periodo di pandemia, costretti a portare la mascherina per la nostra tutela personale e collettiva, abbiamo perso l’espressività dei nostri volti, limitata al solo sguardo, espressività che questa mostra vuol restituire.
  • Padova (Centro Altinate San Gaetano). Dal 10 ottobre al 6 giugno 2021 mostra “Van Gogh. I Colori della vita“. Per info leggi il mio post: https://www.blogdipadova.it/mostra-van-gogh-padova/;
  • Padova (Spazio Biosfera). Dal 28 maggio al 6 giugno “Colore”, mostra personale di Chiara Coltro, curata da Enrica Feltracco e con l’intervento critico di Massimiliano Sabbion, con il supporto di Giardini dell’Arena.
    Chiara Coltro è un’artista padovana, da sempre appassionata di disegno e pittura, ha frequentato la scuola del maestro Umberto Menin, si è poi occupata negli anni anche della creazione di eventi che per molto tempo hanno animato la cultura artistica della città, è tra i fondatori dell’associazione Artemisia e ora con altre sette artiste multidisciplinari di Reitia art. Come lei stessa afferma, la sua pittura si può definire informale e i temi che animano la sua ricerca sono proprio il colore e la materia e da essi i risultati che riesce ad ottenere, cambiando supporto, materiale usato, mai dimentica dell’importanza degli effetti emotivi ed empatici che si intrecciano con le percezioni visive.
  • Abano Terme (Museo Villa Bassi Rathgeb). Dal 17 ottobre al 13 giugno 2021 la mostra “6/900. Da Magnasco a Fontana. Dialogo tra collezioni”. Per info: http://www.museovillabassiabano.it/
  • Biennale Street Art di Padova ed Abano Terme. Dal 5 al 20 giugno torna con la sua seconda edizione Superwalls, la Biennale della Street Art su grandi dimensioni. 35 grandi superficie tra Padova e i comuni dell’area urbana, 40 artisti di cui 12 donne da 5 paesi europei si impegneranno a vivacizzare con la loro cifra stilistica il tessuto urbano attorno ad un unico grande tema: “La Rinascita”…e non poteva essere altrimenti.
  • IMP festival Padova (International Month of Photojournalism). Dal 4 al 27 giugno torna con la sua seconda edizione l’IMP Festival , il grande festival del fotogiornalismo di Padova che animerà la città con moltissime mostre personali, reportage che ci faranno scoprire la fotografia impegnata e soprattutto quel che succede ai quattro angoli del pianeta. Non mancheranno incontri, conferenze e workshop dedicati al fotogiornalismo.
  • Padova (Palazzo Zabarella-sede della Fondazione Bano). Dal 24 ottobre 2020 al 30 giugno 2021 “I Macchiaioli- Capolavori dell’Italia che risorge“.
    Per info: https://www.zabarella.it/mostre/i-macchiaioli-2020

Alberto Botton

4 COMMENTS

  1. Grazie Valeria, ben vengano le segnalazioni come la tua. Gestisco il blog da solo e non è facile essere informato su tutte le mostre in Veneto. Più tardi la inserisco

  2. TETSURO SHIMIZU
    POLIFONIE

    PALAZZO SARCINELLI CONEGLIANO

    A cura di Oltrearte Associazione Culturale (tel.338.2705193)

    Catalogo con testo di Matteo Galbiati

    Dal 3 Luglio al 8 Agosto 2021

    Inaugurazione Sabato 3 Luglio ore 17.00
    Alla presenza dell’artista.
    Presentazione di Matteo Galbiati.

    Orari
    Venerdì – Sabato – Domenica
    10.00-12.30 16.00-19.30

    Con la ripresa delle attività espositive, Oltrearte Associazione Culturale è lieta di invitarvi alla mostra dedicata all’artista Tetsuro Shimizu (Tokyo 1958).

    In mostra sono presenti circa 30 opere, alcune di grandi dimensioni, che ripercorrono gli ultimi 12 anni del suo percorso artistico, di grande forza coinvolgente e impatto emotivo, nella costante ricerca dell’armonia e al tempo stesso della tensione innescata dalla continua indagine sulla materia, sul colore e sulle loro possibili evocazioni.

    Shimizu lavora da sempre sulla costruzione del quadro con la sagomatura della tela con telai da lui stesso costruiti, in cui la pittura entra in profonde fenditure nel telaio stesso, uscendo così dal perimetro abituale del quadro confrontandosi con uno spazio altro, innescando una tensione tra “corpo” rappresentato dal telaio e “spirito” rappresentato dal colore.

    La mostra a Palazzo Sarcinelli intende dare un contributo al lavoro veramente straordinario di questo grande e singolare artista.

    Tetsuro Shimizu si diploma nel 1985 alla Sokei Academy of Fine Arts di Tokyo.
    Nel 1987 si trasferisce in Italia, a Milano e nel 1992 si diploma in Pittura all’Accademia di Belle Arti di Brera; studia con Gottardo Ortelli, Paolo Minoli, Italo Bressan e Giovanni Accame, concludendo il suo percorso accademico con una tesi su Paolo Patelli.
    Inizia la sua attività espositiva in Italia in collaborazione con Enzo Spadon e Catia Spadon della Galleria Morone di Milano, ha esposto in diverse mostre personali e collettive e gallerie tra cui: la Galleria Morone di Milano (MI), Cavenaghi Arte di Milano (MI), Galleria Gagliardi di San Gimignano (SI), Galleria il Milione di Milano (MI), Galleria Antonio Battaglia di Milano (MI), Galleria Nobili di Milano (MI), Di Paolo Arte di Bologna (BO) e Castel Negrino Arte di Aicurzio (MB) in Italia, e in Germania, Svizzera, Slovenia e Giappone.
    Della sua opera si sono interessati e ne hanno scritto: Claudio Cerritelli, Flaminio Gualdoni, Alberto Fiz, Alberto Veca, Valerio Dehò, Raffaella Pulejo, Claudio Rizzi, Emidio De Albentiis, Gabriele Simongini, Matteo Galbiati, Caterina Corni, Riccardo Zelatore, Maria Pace Ottieri, Ettore Ceriani, Veronica Zanardi, Giuseppe Bonini.
    I suoi lavori sono in collezione pubbliche fra cui Castello di Masnago (VA), Provincia di Chieti (CH), Palazzo Forti (VR), Museo Butti di Viggiù (VA), Pinacoteca Villa Soranzo di Varallo Pombia (NO), Palazzo Comunale di Fortunago (PV), Il Nuovo Museo Tricolore di Reggio Emilia (RE), Palazzo Comunale di Villa Lagarina (TN), Palazzo Comunale di Sesto Calende (VA), Museo Arte Contemporanea MACLula (NU).
    Attualmente insegna tecniche pittoriche presso l’Accademia di Belle Arti di Brera ed è Special Invited Professor presso Joshibi University of Art and Design a Tokyo.
    Shimizu lavora da sempre sulla costruzione del quadro con la sagomatura della tela con telai da lui stesso costruiti, in cui la pittura entra in profonde fenditure nel telaio stesso, uscendo così dal perimetro abituale del quadro confrontandosi con uno spazio altro.
    Le costanti della mostra sono la forza e la meditazione sulla pittura, sempre attuale nei linguaggi dell’arte visiva.

  3. Buongiorno, ok, grazie. Provvedo ad inserire nella pagina.
    Cordiali saluti,
    Alberto

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo blog usa i cookies per migliorare e velocizzare l’esperienza di navigazione. Prima di cliccare qui a lato su Accetto! leggi la privacy policy e la cookie policy! I cookies resteranno disabilitati fino a quando non mi darai il permesso di utilizzarli