Dove andare a Padova quando fa caldo. Qualche idea contro la calura estiva

dove andare a Padova quando fa caldo

Gli effetti del cambiamento climatico si fanno sempre evidenti e tra questi si fa sempre più pressante il problema delle isole di calore in città o comunque quello di sopportare temperature tali che il nostro organismo fatica a reggere. A maggior ragione se consideriamo l’età media avanzata della popolazione e le relative patologie e problemi di salute


Considerato il caldo di questi giorni ho pensato di pubblicare un post con qualche suggerimento su dove andare a Padova quando fa caldo. L’articolo rientra nella categoria del blog “Consigli utili“.

Come sarà l’estate 2024? Se all’inizio è stata mite e piovosa, qui in Veneto, a partire dalla seconda settimana di luglio le temperature si sono alzate notevolmente. Per le prossime settimane non lo so ma se pensiamo che ormai ogni mese sembra battere tutti i record di temperatura elevata della storia non c’è da stare molto allegri. In particolare nelle città dove le superfici cementificate amplificano la diffusione del calore ed il disagio. Il tutto in uno scenario globale del cambiamento climatico in corso.

L’idea per questo post mi è venuta la scorsa estate girando per Barcellona, città dove vivono mio fratello e famiglia. Qui ho notato qualche iniziativa interessante e concreta per far fronte al caldo in città. Ve ne parlo in fondo all’articolo. Ora veniamo al dunque: dove andare a Padova quando fa caldo?

Buona estate!

Dove andare a Padova quando fa caldo. Guida ai più anziani

E Padova? Chi amministra le città ha anche il compito di mettere in atto quelle iniziative e quelle politiche per contenere i disagi dovuti al cambiamento climatico. Cercare di dare gli strumenti per alleviare la sofferenza per il gran caldo così come affrontare la crisi climatica con interventi strutturali sono dei doveri delle amministrazioni.
A supporto delle persone più anziane e dei bambini, che più soffrono il caldo ma anche per rendere più vivibile ed attrattiva la città a tutti.

Anche Padova pensa ai propri anziani e a dar loro supporto per affrontare ondate di calore ed afa. Il Comune ha infatti predisposto il piano per gestire l’emergenza caldo rivolto soprattutto ai cittadini anziani e alle persone più fragili. Costoro soffrono maggiore disagio sia per le particolari condizioni climatiche, che per l’assenza di familiari o di vicinato.

Arriva l’estate 2024, la guida del Comune di Padova

L’ufficio Attività creative del Settore Servizi Sociali ha infatti realizzato la guida “Arriva l’estate 2024– Guida per persone anziane” (clicca per leggere il pratico opuscolo in due pagine) rivolta agli over 65: qui si possono trovare informazioni e suggerimenti

  • luoghi dove trascorrere la giornata in compagnia;
  • associazioni alle quali rivolgersi per chiedere aiuto e parlare, un’importante occasione non solo per ridurre il malessere del caldo, ma anche il disagio della solitudine;
  • sportello gratuito di supporto psicologico;
  • servizi gratuiti di consegna della spesa alimentare a domicilio;
  • piscine che prevedono agevolazioni per persone over 65;
  • parchi dove sostare e passeggiare.

Estate torrida a Padova? Qualche suggerimento

Ovviamente quando si parla di estate e di caldo ci tornano utili i classici suggerimenti stagionali che da anni ci danno i nostri telegiornali. Bere molta acqua, non uscire nelle ore più calde, mangiare frutta e verdura etc etc. Suggerimenti che rimangono validissimi, eh!

Tuttavia, se siete stanchi di stare a casa dove andare a cercare un po’ di fresco a Padova? Anche perché stare sempre a casa con l’aria condizionata accesa, o meno, oltre ad essere noioso e nocivo per l’ambiente, è anche costoso.

In primis parchi e giardini, ovviamente: ho pubblicato un post dedicato ai giardini estivi di Padova, quelli che propongono anche animazione, incontri, spettacoli e concerti. Senz’altro andare in una delle piscine estive di Padova e dintorni, inserite in piacevoli parchi e spazi verdi.

Se vi trovate a passeggiare per il centro storico, Padova offre sempre diversi km di strade porticate, grazie alle quali potete camminare all’ombra. Quando l’acqua non è contingentata per problemi di siccità ci sono fontane e fontanelle.

Luogo ombreggiato e protetto dai raggi potenti del sole è anche il mercato coperto Sotto il Salone. Sicuramente qualche grado in meno, rispetto all’esterno, lo troverete visitando il Salone del Palazzo della Ragione. Luoghi sicuramente freschi sono chiese e Basiliche…In particolare, vista l’enormità degli spazi, se entrate nella Basilica di Santa Giustina non dico che vi servirà il golfino ma qui fa veramente molto fresco. Se avete l’esigenza di fare shopping in genere l’aria condizionata non manca mai in negozi e centri commerciali.

Poi, di sera, quando finalmente, ci sarà grado in meno, non mancano mai iniziative culturali, spettacoli, concerti, visite guidate. Qualche segnalazione in merito la trovare nel mio post dedicato alle serate d’estate a Padova. Per tutti gli altri appuntamenti ci sono i canali ufficiali del Comune, a partire da Padova Cultura.

Il necessario impegno delle città nel contenimento degli effetti dei cambiamenti climatici

Le città, in particolare, quelle medie e grandi, sono un attore importante nella lotta al cambiamento climatico e soprattutto nel contenimento dei suoi effetti. A maggior ragione se consideriamo che più della metà della popolazione mondiale vive in grandi aree urbane.

Il tema è molto ampio ed in questo post mi voglio limitare a parlare delle iniziative pensate per contenere il disagio del caldo. Si tratta di un problema particolarmente sentito dalle persone anziane e ancora di più di quelle che hanno qualche problema di salute. Inoltre, mai come di questi tempi, il costo della bolletta e la spesa dei condizionatori non è alla portata di tutti.

Ma non solo. Non è piacevole per nessuno girare per una città dove si muore di caldo, che si tratti di residenti o turisti. Se poi capitano estati di siccità e l’uso di fontane e fontanelle pubbliche venisse contingentato o bloccato, non ne parliamo.

Nel primo paragrafo ho menzionato Barcellona, indubbiamente una delle città “più avanti” in tema di clima e diritti civili. Qui l’amministrazione promuove l’iniziativa dei “rifugi climatici a Barcellona“. Si tratta di una rete di oltre 200 luoghi “freschi” dove trovare spazi ombreggiati, acqua ed un po’ di frescura. Ad aderire e ad aprire alla cittadinanza sono scuole, biblioteche, centri sportivi, musei giardini, patii, e piazzette. Tutti i luoghi sono segnalati in una mappa. L’iniziativa, in essere per tutta l’estate, da giugno a metà settembre, è rivolta in particolare agli anziani over 75. L’obiettivo è quello di fornire loro un riparo dal caldo al massimo a 10 minuti a piedi da casa. Un’iniziativa nell’ottica delle città dei 15 minuti...anzi 10 in questo caso.

Alberto Botton

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.